Anche per l'estate 2018 puoi scegliere di dedicare 10 giorni a scoprire culture diverse, a vedere l'Europa, a mettere il tuo mattoncino per rendere il mondo migliore, ad arricchirti nello spirito, che vale più del conto in banca.

Anche per l'estate 2018 Caritas Vittorio Veneto propone ai giovani due campi estivi nei Balcani.

meme campi balcani 2018

Dal 21 al 31 agosto in Albania, per Inside, il progetto Erasmus Plus di cui Caritas Vittorio Veneto è partner: assieme ai giovani albanesi degli Ambasciatori di Pace e a quelli bosniaci del Centro giovanile Giovanni Paolo II di Sarajevo ci dedicheremo al tema di Inside, cioè il recupero, nel rispetto dell'ambiente, di spazi abbandonati. Sia con il lavoro manuale per dare nuova vita a un luogo - esattamente come un anno fa abbiamo regalato a Sarajevo un nuovo parco giochi e campo di pallacanestro .- sia con la formazione, per un futuro in cui l'imprenditorialità sostenibile sia il nostro lavoro. Ci sarà anche spazio, naturalmente, anche per il relax e le visite culturali. Al campo Inside si parla in inglese.

Dal 24 agosto al 2 settembre, ancora una volta in Bosnia Erzegovina, a Banja Luka. Assieme a giovani bosniaci, lavoreremo su "L'Europa dei giovani", con momenti di formazione sulle opportunità che l'Europa offre, e svolgeremo servizi di volontariato a favore di persone in difficoltà. Ma ci sarà poi spazio anche per scoprire la multiculturale e multireligiosa Bosnia.

 

Nelle prossime settimane e prossimi mesi pubblicheremo maggiori dettagli sui campi, ma se volete saperne di più o già iscrivervi potete contattarci allo 0438550702 o Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. .

Nel frattempo, se volete saperne di più sulla zona dei Balcani, vi suggeriamo di leggere "Sminare territori e coscienze - Dossier di Caritas Italiana sui Balcani", incentrato sul tema del disarmo, e delle mine e bombe che ancora  non sono state rimosse in Bosnia Erzegovina e Kosovo. Tra i curatori del dossier, il nostro Daniele Bombardi, diocesano di Ceggia, responsabile di Caritas Italiana per Bosnia Erzegovina e Serbia.

I cookie ci aiutano ad erogare servizi di qualità. Utilizzando i nostri servizi, l'utente accetta le nostre modalità d'uso dei cookie. Approfondisci